Come attivare una pratica di recupero crediti

In presenza di fatture non riscosse, inadempimenti contrattuali o ad altri tipi di mancati pagamenti, il primo pensiero di un creditore è quello di rivolgersi ad uno Studio Legale di fiducia al quale affidare il recupero dei propri crediti.

L'avvocato, a seguito dell'incarico ricevuto, si adopererà quindi per eseguire la procedura legale di recupero crediti più idonea, in base alla documentazione comprovante il mancato pagamento patito dall'assistito. Se ad esempio il credito è originato solo da fatture, l'avvocato procederà con un Decreto Ingiuntivo, oppure direttamente con un Atto di Precetto nel caso vi siano anche cambiali o assegni protestati.

Procedure legali: costi e tempi di attesa

Come è noto, le procedure legali di recupero credito avviate dall'avvocato, nel momento in cui vengono attivate, originano una serie di costi, variabili in base all'importo del credito da esigere, che dovranno essere anticipati dal creditore procedente.

A ciò vanno aggiunte le tempistiche che sono notoriamente lunghe, quasi infinite. Quante volte sentiamo infatti ripetere la frase " ho passato la pratica all'avvocato ma non ho saputo più nulla", a dimostrazione che i tempi per definire una procedura legale sono talmente lunghi che fanno spesso dimenticare al creditore stesso di avere una procedimento aperto nei confronti di un debitore inadempiente.

La parcella dell'avvocato

Nel caso in cui la procedura legale di recupero credito eseguita dall'avvocato dovesse risultare totalmente infruttuosa, magari a causa dall'impossibilitĂ  economica e patrimoniale del debitore, oltre a non vedersi soddisfare la propria pretesa, si dovrĂ  comunque pagare la parcella del professionista, che si compone dei costi vivi per bolli e diritti e degli onorari.

Tale situazione si verifica in particolar modo quando non vengono eseguiti preliminarmente gli accertamenti finalizzati ad appurare le reali capacitĂ  economiche e patrimoniali del debitore, che consentirebbero di valutare rischi e le possibilitĂ  di successo della procedura legale da avviare.

Il valore aggiunto dei nostri avvocati

Gli avvocati che compongono lo staff legale di Recuperocrediti.it operano con un concetto base che è quello di avviare procedure legali soltanto nel caso in cui vi siano reali possibilità di successo, al fine di non assoggettare il creditore di ulteriori costi oltre a quelli subiti per la mancata riscossione del credito.

I nostri avvocati sono soliti proporre una procedura legale solo in presenza di requisiti tali da far presupporre un esito certamente fruttuoso, se pur non garantito. Requisisti che possono derivare dalla precedente attivitĂ  stragiudiziale di recupero crediti e/o dall'esito di un accertamento informativo sulle capacitĂ  economiche e patrimoniali del debitore, individuando beni e finanze da aggredire.

Un altro valore aggiunto della nostra metodologia operativa è rappresentato dal preventivo dei costi necessari ad eseguire tutte le fasi della procedura legale che i nostri avvocati solo soliti comunicare anticipatamente al cliente.

Richiedici una consulenza gratuita

Il nostro team di avvocati è disponibile a rispondere a qualsiasi richiesta di consulenza in materia di recupero dei crediti, in via del tutto gratuita.

Premesso che non Ă© assolutamente possibile garantire anticipatamente l'esito positivo di una pratica di recupero credito, possiamo basarci soltanto sulle nostre rilevazioni statistiche e indicatori di performance che stimano in 28 giorni i tempi medi per incassare una pratica.
Tale tempistica é tuttavia indicativa poiché ogni pratica ha una storia a se. Le difficoltà di rintraccio del debitore, le dilazioni e posticipazioni dei tempi di pagamento, la laboriosità di eventuali trattative in atto con il debitore o con soggetti professionisti da questi incaricati, la contestazione della congruità del credito da parte del debitore, possono incidere, oltre che sull'esito dell'intervento, anche sui tempi di definizione della pratica.
L'intervento di recupero credito viene eseguito indipendentemente dalla circostanza che il debitore sia una persona fisica o giuridica.
L'unica differenza è costituita dal fatto che la gestione delle pratiche, a seconda che il debitore sia impresa o persona, può essere assegnata dalla società di recupero a funzionari specializzati nel contesto specifico.
Anche se il nostro bacino di utenza di riferimento Ă© costituito principalmente dalle piccole, medie e grandi aziende, gli istituti di credito ed utilities, vengono attivate anche pratiche di recupero crediti provenienti da privati, qualora il credito da esigere sia legittimo e comprovato da idonea documentazione.
E’ possibile richiedere l'attivazione di pratiche di recupero crediti nell’ambito dell’intero territorio nazionale, isole comprese, in qualunque luogo.
In caso di incarico già affidato ad uno Studio Legale, la società di recupero crediti non può legittimamente dare avvio ad un’azione di recupero nei riguardi dello stesso debitore, a meno che il mandato conferito al legale non sia stato formalmente revocato a norma di legge.
In definitiva, l'incarico ad una società di recupero crediti può essere affidato prima di conferirlo ad un Legale oppure dopo che questi avrà concluso le attività giudiziali avviate.
L’attività di recupero crediti conto terzi è soggetta al controllo degli organismi statali e pertanto tutte le Società di Recupero Crediti devono essere in possesso di apposita licenza rilasciata dalla Questura di competenza per poter legittimamente operare.
La nostra organizzazione è in possesso di regolare licenza, rilasciata dalla Questura di Arezzo in data 24 Gennaio 1994, che ci autorizza allo svolgimento dell' attività di recupero credito stragiudiziale.

Vuoi essere contattato?

Lascia i tuoi recapiti se preferisci essere contattato da un nostro funzionario.